Installare il fotovoltaico: ancora più semplice e veloce!

P1080445 - CopiaLa semplificazione burocratica promessa per i piccoli impianti fotovoltaici è un passo più vicina.

Grazie all’ok al cosiddetto Modello Unico, installare un impianto fotovoltaico sarà presto più facile e rapido. Il modello sostituisce ogni altro adempimento in capo ai produttori, facendo sì che essi si rivolgano a un interlocutore unico, ovvero il gestore di rete.

L’AEEGSI (Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico) ha rilasciato parere favorevole allo schema di decreto elaborato dal MiSe (Ministero dello Sviluppo Economico) sul modello unico semplificato per la realizzazione, connessione ed esercizio di impianti fotovoltaici integrati con potenza nominale non oltre i 20 kW.

La semplificazione delle procedure autorizzative e connessione alla rete potrà stimolare la competitività del mercato. Si pensi che circa il 60% della potenza installata in Italia nel 2014 è stata rappresentata proprio da impianti fino a 20 kW.

La nuova procedura interesserà il fotovoltaico con tutte le seguenti caratteristiche:

  • realizzazione presso clienti finali già dotati di punti di prelievo attivi in bassa tensione;
  • potenza non superiore a quella già disponibile in prelievo;
  • potenza nominale non superiore a 20 kW;
  • contestuale richiesta di accesso al regime dello Scambio sul Posto;
  • realizzazione sui tetti degli edifici con modalità di non subordinazione all’acquisizione di atti amministrativi di assenso;
  • assenza di ulteriori impianti di produzione sullo stesso punto di connessione.

Il modello unico proposto dal MiSE è costituito da due parti:

  1. la prima per le comunicazioni preliminari alla realizzazione dell’impianto: richiesta di connessione, comunicazione codice IBAN per all’addebito dei costi di connessione e l’accredito dei proventi dello Scambio sul Posto, dichiarazione di possedere tutti i requisiti necessari per accedere alle procedure semplificate e al conferimento (al gestore di rete) del mandato con rappresentanza per il caricamento dei dati sul sistema GAUDÌ;
  2. la seconda per le comunicazioni di fine lavori: dichiarazione di corretta esecuzione dei lavori, dichiarazione di avvenuta presa visione del regolamento d’esercizio e del contratto di Scambio sul Posto.

Lo schema di decreto trasmesso dal Ministero prevede anche che, nel caso in cui siano necessari, ai fini della connessione, lavori semplici limitati all’installazione del gruppo di misura, l’iter di connessione possa essere avviato automaticamente, senza l’emissione del preventivo per la connessione da parte del gestore di rete e che, in tali casi, trovi applicazione un solo corrispettivo standard, inclusivo dei costi di connessione a carico del soggetto richiedente, eventualmente suddiviso in due rate qualora superi 100 euro.

Medielettra naturalmente vi terrà aggiornati sull’approvazione dello schema di decreto e sulle eventuali modifiche rispetto a tale proposta.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: