Fotovoltiaco obbligatorio sui nuovi edifici e sulle “ristrutturazioni rilevanti”

Finalmente una chiarezza sulle regole che da almeno due anni dovevano già entrare in vigore e che invece ci portiamo ancora appresso con grave danno per l’intero patrimonio immobiliare. Entreranno in vigore, infatti, a partire dal 1 giugno 2012 le norme che obbligano la realizzazione degli impianti da “fonte rinnovabile” negli immobili di nuova costruzione o nelle “ristrutturazioni rilevanti”.

Con “ristrutturazione rilevante” si intende ogni intervento di demolizione e ricostruzione (anche fedele) di interi edifici, oppure la modifica a edifici esistenti con superficie utile superiore a 1.000 metri quadrati, in cui si interviene nell’involucro. Continua a leggere

Annunci

Le associazioni di categoria anticipano il governo sulle modifiche al conto energia. Sintesi

La GIFI aderente all’ANIE, APER e ASSOSOLARE hanno anticipato il governo, che di suo è già molto in ritardo, ed ieri hanno presentato una proposta condivisa sulle eventuali e obbligatorie modifiche al cosiddetto “Conto Energia” che coinvolge tutti gli impianti fotovoltaici realizzati dopo il 2010 attraverso le tariffe incentivanti a divenire. Il ritardo comporta una fase di stallo del mercato fotovoltaico per l’anno in arrivo che oltre a causare danni alle aziende operanti nel settore, provocherà ulteriori incertezze nei cittadini, protagonisti principali di questa “rivoluzione del sole“.

In sintesi le proposte sono queste:

  • introduzione di nuovi scaglioni di potenza;
  • eliminazione della integrazione architettonica e semplificazione delle tipologie installative, o sui tetti o a terra;
  • ribasso delle nuove tariffe incentivanti che vanno dal 5% in meno per gli impianti più piccoli di potenza,  al 14% in meno per gli  impianti più grandi di potenza;
  • un bonus per l’integrazione, per le aree compromesse e per le coperture in amianto;
  • un decremento annuale del 4% sulla tariffa incentivante sino al 2015;

ed altre proposte concrete e di approfondimento. Che dire! almeno è una base di discussione.  La proposta integrale la si può scaricare da qui.