Chiarimenti sui rincari (annunciati) delle bollette elettriche

Chi ha installato WhatsApp sul proprio cellulare quasi sicuramente è incappato in un messaggio audio o scritto su aumenti di 30-35 euro sulle bollette della luce. Il messaggio sostiene che da aprile le fatture dell’energia elettrica subiranno rincari a causa dei consumatori morosi e lancia una campagna per non pagare questo “orpello” in più. Il messaggio è arrivato a molti via WhatsApp, diffuso da amici e parenti. E come spesso accade in questi casi, si diffonde un’informazione falsa, distorcendo un fatto vero.

Poiché riteniamo che un’informazione corretta sia doverosa, tra l’altro in un ambito che ci riguarda, Medielettra ha deciso di approfondire la questione.

Continua a leggere

Annunci

Le rinnovabili in Italia e nel mondo: lo stato di fatto

RinnovabiliNel 2015 nel mondo, per la realizzazione di nuovi impianti da fonti rinnovabili, sono stati investiti oltre 290 miliardi di €, in crescita del 21% rispetto al 2014.

E’ evidente come il trend negativo del 2012 e 2013 sia superato ed anzi il 2015 fa segnare il «record» assoluto degli investimenti, anche oltre il picco del 2011. E’ cambiata però la “geografia” del mercato. Continua a leggere

Come tagliare gli oneri generali di sistema con il fotovoltaico

P1080167bisIn bolletta, oltre a servizi di vendita (materia prima, commercializzazione e vendita), servizi di rete (trasporto, distribuzione, gestione contatore) e imposte, paghiamo alcune voci a copertura dei costi per attività di interesse generale per il sistema elettrico nazionale: gli oneri generali di sistema, introdotti da specifici provvedimenti normativi. Negli ultimi anni, tali oneri hanno rappresentato una quota crescente e sempre più significativa della spesa totale annua di energia elettrica.

Grazie alla qualifica SEU o SEESEU, rilasciata dal GSE, è possibile avere condizioni tariffarie agevolate sull’energia elettrica consumata e non prelevata dalla rete, limitatamente alle parti variabili degli oneri generali di sistema, come previsto dal D.lgs 115/08 e dall’art. 25-bis del decreto legge 91/14 convertito con legge 116/14.

Gli impianti in Scambio sul Posto (SSP) sono esonerati al 100%, mentre gli altri, se qualificati come SEU, pagano il 5% degli oneri di sistema sulla quota di autoconsumo.

Continua a leggere

Oneri su Autoconsumo e Scambio sul Posto: cosa cambia

sole_pannelliSono state pubblicate le delibere 609/2014/R/EEL e 612/2014/R/EEL sull’attuazione delle disposizioni, rispettivamente, sui corrispettivi degli oneri generali di sistema per reti interne e sistemi efficienti di produzione e consumo e sullo Scambio Sul Posto.

Con la legge 116/2014 è stato introdotto l’obbligo – per tutti tranne che per gli impianti a rinnovabili sotto ai 20 kW – di pagare il 5% degli oneri di sistema anche sull’energia consumata ma non prelevata dalla rete, come quella ottenuta con il fotovoltaico e usata direttamente.

Per applicare tale disposizione dunque bisognerebbe misurare esattamente la quantità di energia prodotta dall’impianto in autoconsumo, cosa impraticabile. L’Autorità ha risolto il problema con la delibera 609/2014, che prevede:

Continua a leggere

SEU: opportunità per il mercato fotovoltaico italiano

SEUCon i SEU (Sistemi Efficienti di Utenza) si apre una nuova stagione per il fotovoltaico italiano post-incentivi. Le regole a riguardo arrivano dalla pubblicazione della delibera 578/2013/R/eel da parte dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas.

Atteso dal 2008, il documento regola l’autoconsumo per impianti oltre i 200 kWp e le modalità con cui un produttore può installare un impianto alimentato da fonti rinnovabili/cogenerazione, sulla proprietà di un determinato utente o in una nella sua piena disponibilità, e vendergli direttamente l’energia elettrica prodotta, assicurandogli un risparmio in bolletta.

Entro fine marzo saranno pubblicate le regole operative da parte del GSE.

Continua a leggere

Contatore “superintelligente” e nuove bollette di luce e gas

ContatoriIn futuro arriverà il contatore «superintelligente», per il quale si inizierà a fare una prima selezione già quest’anno. Un apparecchio in grado di tenere i conti di gas, luce ed acqua e, perché no, rifiuti e magari anche qualche consiglio su misura per un uso più razionale dell’energia.

Esempio bolletta USA

Esempio bolletta USA

Ma il futuro più immediato, che scatta già dalle prossime settimane, sarà comunque sufficientemente rivoluzionario per tutte le famiglie italiane: si partirà dalla nuova «bolletta 2.0», sul modello americano, che sostituirà le sette-otto spesso incomprensibili e pesanti pagine alle quali gli italiani sono stati abituati fino ad oggi.

Continua a leggere