Fotovoltaico: accumulo sì o accumulo no?

Negli ultimi anni, l’accumulo è stata una delle novità più interessanti nel settore fotovoltaico. Ovvero la possibilità di immagazzinare l’energia prodotta con il fotovoltaico in comode batterie per utilizzarla al momento opportuno: di notte o in genere quando l’impianto fotovoltaico non produce o non produce a sufficienza per garantire il completo fabbisogno di energia elettrica. Un impianto fotovoltaico con accumulo è in grado di garantire fino all’80% di autoconsumo.

Molto diffuso ormai negli impianti fotovoltaici di nuova installazione, l’accumulo può essere integrato anche ad impianti fotovoltaici esistenti. Tuttavia è bene definire caso per caso, sulla base delle reali esigenze energivore e sulla base del beneficio di cui l’impianto gode (incentivo Conto Energia, Scambio Sul Posto, detrazione fiscale, etc.) se installare un sistema di accumulo sia conveniente o meno.

Continua a leggere

Annunci

Tre buoni motivi per fare un impianto fotovoltaico

logomedielettra-piccoloIl Direttore Generale di Medielettra, Angelo Badalamenti, fornisce tre semplicissimi motivi per realizzare un impianto fotovoltaico.

status-weather-clear-iconPrimo – Il fotovoltaico produce energia e le nostre case la consumano: chi non farebbe un pozzo sotto casa se ci fosse l’acqua?
Il sole è una risorsa gratuita e disponibile, perché non sfruttarla per produrre l’energia elettrica che ci serve?

Continua a leggere

Manutenzione e ammodernamento degli impianti fotovoltaici: indicazioni dal GSE per il mantenimento degli incentivi

w280_logo-gseIn caso di modifiche, ammodernamenti o interventi manutentivi su impianti fotovoltaici incentivati con il Conto Energia è fondamentale rispettare le linee guida definite dal GSE (Gestore Servizi Energetici) per non rischiare di perdere l’incentivo.

Il GSE, in attesa di definire le Procedure previste dall’art. 30 del DM del 23 giugno 2016, anticipa alcune linee guida per la gestione degli interventi di manutenzione e ammodernamento sugli impianti incentivati auspicando la diffusione di tecnologie avanzate e addizionali che rendano il parco di generazione da fonte solare più affidabile, performante e moderno.

Continua a leggere

Come tagliare gli oneri generali di sistema con il fotovoltaico

P1080167bisIn bolletta, oltre a servizi di vendita (materia prima, commercializzazione e vendita), servizi di rete (trasporto, distribuzione, gestione contatore) e imposte, paghiamo alcune voci a copertura dei costi per attività di interesse generale per il sistema elettrico nazionale: gli oneri generali di sistema, introdotti da specifici provvedimenti normativi. Negli ultimi anni, tali oneri hanno rappresentato una quota crescente e sempre più significativa della spesa totale annua di energia elettrica.

Grazie alla qualifica SEU o SEESEU, rilasciata dal GSE, è possibile avere condizioni tariffarie agevolate sull’energia elettrica consumata e non prelevata dalla rete, limitatamente alle parti variabili degli oneri generali di sistema, come previsto dal D.lgs 115/08 e dall’art. 25-bis del decreto legge 91/14 convertito con legge 116/14.

Gli impianti in Scambio sul Posto (SSP) sono esonerati al 100%, mentre gli altri, se qualificati come SEU, pagano il 5% degli oneri di sistema sulla quota di autoconsumo.

Continua a leggere

Riconoscimento tariffe a copertura degli oneri del GSE

w280_logo-gseIl GSE (Gestore Servizi Energetici) ha pubblicato le modalità operative per il riconoscimento delle tariffe a copertura degli oneri sostenuti dal GSE per attività di gestione, verifica e controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione. Le tariffe, in vigore dal 1° gennaio 2015, sono valide per il triennio 2015-2017.

Relativamente agli impianti in Conto Energia, il GSE informa che la tariffa da restituire è calcolata in base alla potenza incentivata, applicando corrispettivi unitari variabili in funzione di scaglioni progressivi di potenza come indicato in tabella.

Continua a leggere

Fotovoltaico nel settore commerciale: qual è lo stato di fatto?

P1090583 - CopiaE’ stata pubblicata la seconda edizione del PV GRID PARITY MONITOR (PV GPM) per il settore commerciale (dati aggiornati a maggio 2015).

Anche per l’edizione del settore commerciale, come per quella del residenzialeMedielettra ha dato il suo contributo con i risultati delle proprie installazioni.

Continua a leggere

Scambio Sul Posto: le nuove regole di calcolo dall’anno 2014

bouton EuroIl GSE (Gestore Servizi Energetici) ha pubblicato le nuove Regole Tecniche relative ai criteri di definizione e calcolo del contributo per lo Scambio Sul Posto (SSP). Le principali novità introdotte riguardano:

  1. le modalità di determinazione del contributo in acconto relativo al secondo semestre 2015;
  2. l’aggiornamento del limite massimo per la restituzione degli oneri generali di sistema nel caso di impianti alimentati da fonti rinnovabili, a decorrere dalla determinazione del contributo in conto scambio, a titolo di conguaglio, per l’anno 2014.

Continua a leggere